casus cognoscere nostros

Article published on April 8, 2014
community published
Article published on April 8, 2014

This article has not been vetted by an editor at Paris HQ

La presa di Costantinopoli è un po’ come l’editto di Costantino, un falso storico. Anzi no, è vero, ma se non lo fosse stato, forse oggi ci sarebbe una Bisanzio generale. La donazione di Costantino? Quella è falsa. Ma allora come ci si raccapezza se i documenti vengono falsificati, e le carte rimescolate? Bisogna prendere a caso, dal mazzo, che bisogna farsi, ma ce la smazziamo. A te che sei così giovane e ingenuo, dico che devi credere alle parole incredibili, e non a quelle ragionevoli. La regola è quella della lectio difficilior. Quella vale sempre. Tra gli innumerevoli eventi che ci capitano, il più curioso sarebbe che un giorno il sole sorgesse da occidente. Sarebbe, appunto, la caduta, l’occasum. O forse un caso inesistente, ma a caso, dal mazzo.

Ho già detto troppo. Un ultima parola. Il dettato è sempre stato un esercizio di valore. Tra il detto e il non detto.