"A song for the Eurogeneration" : now with lyrics

Article published on Sept. 10, 2007
community published
Article published on Sept. 10, 2007
The song of Martino Reggiani: "Sul tetto del mondo", which you can find here on coffeefactory, was presented to the Italian public last Saturday. Now we present you its lyrics and hope that will enjoy them as much as we do! You can have the lyrics in French here.

Sul tetto del mondo

E’ ora, è ora di rimettersi al gioco Di lasciarlo all’inchiostro caduto Dal petto, dalla fronte e dai suoni toccati Nel viaggio che ci ha trasformati In Re e Regine con i corpi regali E l’ombra di folli giullari Ormai condannati ad esibirsi soltanto Al cospetto di questo mio canto

Raccolti e supini sul tetto del mondo Guardateci stiamo ballando A gesti come amanti al primo bacio Sanno già quel che non hanno toccato Appena , petto contro schiena Aspettando che arrivi stasera Amici, rendez-vous alla piazza centrale Erasmo ricomincia a ballare

E ad ogni cinque passi un riso, un bacio, un volto Raccolti sul tetto del mondo Ad ogni cinque passi un grido, un salto, un pianto Lasciati sul tetto del mondo

Erasmus, voi sapete quello che sto inventando Di un volo dal tetto del mondo Ben presto sarà tempo di ripartire Di lasciarci a ricordare A gocce, stillati dallo scandire di un tempo Glorioso finché non si è spento Un vento di voglie che l’ ha reso più lento All’attimo che ha tenuto ha stento

La danse, elle nous a fait tourner Elle nous a bougés et touché Mais en fin ce n’est pas une faute si grave La danse, elle nous a allaités Elle nous a noyés et étouffé Mais en fin ce n’est pas une faute si grave Noi con cinque passi amiamo, tocchiamo, inventiamo Nascosti sul tetto del mondo Noi con cinque passi mordiamo, strilliamo ed odiamo Lanciati dal tetto del mondo

Un giorno, tutto quel che abbiamo vissuto Sarà toccato da un breve saluto Sai, con una frase, un canto o una storia Con il corpo di una breve memoria

Ma ad ogni cinque passi abbiamo Cantato e bevuto Raccolti sul tetto del mondo Per ogni cinque passi è stato Un lungo saluto Lasciato sul tetto del mondo La vie, elle nous a embrassés et rêvés La vie nous a inventés Mais en fin ce n’est pas une faute si grave La vie, elle nous a frappés et blessés Elle nous a effrayé Mais en fin ce n’est pas une faute si grave

(credit lyrics: Martino Reggiani)